Loading

Lavastoviglie ‘vintage’, che passione! Modelli ‘old fashion’ a confronto

La prima macchina ‘lavapiatti’ fece la sua comparsa sul mercato negli anni ’50 in pieno clima di boom economico. Dapprima era un elettrodomestico a cestello rotante, solo più tardi a cestello fisso con ventole a spruzzo. Da allora sono trascorsi decenni ma il fascino del vintage ha un suo perché anche in riferimento agli apparecchi ad uso domestico, che vengono riproposti da molti produttori anche in forme retrò per colpire l’immaginario del potenziale acquirente in chiave nostalgica ma anche di design. Queste macchine, infatti, hanno uno stile inconfondibile che, il più delle volte, impreziosisce ogni ambiente dandogli quel tocco di classe che solo il vintage sa offrire.

C’è chi colleziona pezzi d’epoca, chi si lancia alla caccia di modelli usati sempre più rari da trovare sulle bancarelle dei mercatini di antiquariato e modernariato, ma senza fare troppa strada o fatica basta sfogliare i cataloghi dei maggiori brand di elettrodomestici per trovare il modello retrò che fa tendenza soprattutto negli arredi shabby chic. Grandi marchi, come Candy o Kaiser propongono questo genere di elettrodomestici, incluse le lavastoviglie. Kaiser, in particolare, ha lanciato sul mercato la linea Empire di lavastoviglie retrò da incasso, il cui prezzo si aggira sul migliaio di euro. Ma lo scettro delle lavastoviglie vintage che sposano la tradizione con la modernità spetta a Smeg, capostipite di questo business che conta numerosi estimatori. Facendosi interprete di una crescente domanda di mercato, Smeg propone la linea ‘50s Style’ con elettrodomestici ispirati nella forma e nel tipico stile bombato ai mitici anni ’50. Fra i tanti, troviamo anche le lavastoviglie, che combinano un look ‘old fashion’ alle più avanzate tecnologie di settore.

Nelle lavastoviglie Smeg vintage, infatti, è incluso l’avanguardistico sistema ‘EnerSave’ in grado di far risparmiare fino al 20% di energia elettrica, grazie alla classe di appartenenza tripla AAA di questo elettrodomestico, che vanta una capienza di 13 coperti e una larghezza standard di 60 cm. In più queste particolari lavastoviglie a incasso Smeg fruiscono della funzione FlexiZone che ottimizza la distribuzione e igienizzazione del carico. Il cestello può essere regolato di tre tacche in altezza lasciando spazio per l’inserimento di pentolame ingombrante. Inoltre si rileva la presenza del sensore Aquatest che permette di testare il grado di torbidità dell’acqua.